Ravenna: splendore di Bisanzio. Viaggio nell’arte musiva con storico dell’arte (Seconda data! – 22 giugno 2024)

da 94 €1 giornomin 11 partecipantiProssima partenza 22 Giugno 2024da Bologna

Ecco la seconda data dell’itinerario Ravenna: splendore di Bisanzio. Viaggio nell’arte musiva con storico dell’arte Max Martelli!

Quando nel 402 d.C. Onorio trasferisce la capitale dell’Impero Romano d’Occidente a Ravenna, essa diviene non solo capoluogo dell’attività politica, ma anche sede di uno splendore edilizio quasi senza precedenti. Per almeno due secoli, il potere politico e quello religioso utilizzeranno l’arte del mosaico per comunicare il proprio messaggio: un linguaggio sofisticato e duraturo che ancora, dopo 1.500 anni, illumina la città. Nel VI secolo, con Giustiniano, Ravenna vive l’epoca di massima ricchezza, testimoniata da luoghi di culto come San Vitale e Sant’Apollinare Nuovo.

Questo itinerario, interamente incentrato sul mosaico, prende volutamente in esame luoghi meno frequentati ma assai rilevanti e del tutto singolari per qualità, antichità e situazioni conservative. È il caso per esempio del Battistero Neoniano, il battistero paleocristiano più antico e meglio conservato del mondo, sia dal punto di vista architettonico che per la sua ricchissima decorazione interna.

“Ravenna: splendore di Bisanzio” è un itinerario nella storia dell’arte con l’accompagnamento culturale a cura di Max Martelli.

Perché scegliere questo viaggio

  • Viaggio con storico dell’arte a Ravenna
  • Visita guidata ai migliori esempi di arte musiva della città
  • Visita alla Basilica di San Vitale e al Mausoleo di Galla Placidia
  • Il Battistero Neoniano, il battistero paleocristiano più antico e meglio conservato del mondo
  • Visita alla Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, con il suo celebre ciclo di mosaici paleocristiani
  • I mosaici romani della Domus dei Tappeti di Pietra
  • Accompagnamento culturale di storico dell’arte Insolita Itinera

A chi è consigliato

A chi è appassionato di arte, storia e mosaici dell’antica capitale dell’Impero Romano d’Occidente: Ravenna. A chi vuole approfondire il suo antico splendore bizantino con storico dell’arte.

Vuoi partecipare a questo viaggio?

Programma di viaggio

Per chi parte da Bologna: ritrovo con l’accompagnatore Insolita Itinera alle ore 7.35 a Bologna, in Stazione centrale, davanti all’ingresso principale (su Piazzale Medaglie d’Oro). Partenza alle ore 8:05 con il treno regionale con arrivo previsto a Ravenna alle ore 9:17.
Per chi arriva direttamente a Ravenna: appuntamento alle ore 9.17 in Stazione a Ravenna.

All’arrivo a Ravenna, inizieremo le nostre visite con storico dell’arte dalla Domus dei Tappeti di Pietra. La Domus dei Tappeti di Pietra è uno dei più importanti siti archeologici italiani scoperti negli ultimi decenni. Collocata all’interno della settecentesca Chiesa di Santa Eufemia, in un vasto ambiente sotterraneo situato a circa 3 metri sotto il livello stradale, è costituita da 14 ambienti pavimentati con mosaici policromi e marmi appartenenti ad un edificio privato bizantino del V-VI secolo. Di particolare interesse e bellezza i mosaici decorati con elementi geometrici, floreali e figurativi ritenuti unici, come nel caso della “Danza dei Geni delle Quattro Stagioni”, rarissima rappresentazione che mostra i Geni danzare in cerchio o come per la figura del “Buon Pastore”, ritratto in una versione differente dall’usuale rappresentazione cristiana. Proseguiremo con la visita della celebre Basilica di San Vitale, fatta costruire dal vescovo Ecclesio e poi completata dal suo successore, l’arcivescovo Massimiano, quando Ravenna era già stata riconquistata dall’imperatore bizantino Giustiniano I. L’edificio, capolavoro dell’architettura ravennate, combina elementi architettonici romani (la cupola intradossata, la forma dei portali, le torri) con elementi bizantini (l’abside poligonale, i capitelli, la costruzione in mattoni). Testimone della grandezza dell’Impero Bizantino, l’edificio si distingue per la raffinatezza e la preziosità delle sue decorazioni e dei materiali impiegati, tra cui spiccano le stupende decorazioni musive dell’abside. Ci attende prima dell’ora di pranzo, la visita del Mausoleo di Galla Placidia. Galla Placidia (386-452) – sorella dell’imperatore Onorio che fu l’artefice del trasferimento della capitale dell’Impero Romano d’Occidente da Milano a Ravenna nel 402 d.C. – fece costruire questo piccolo mausoleo a croce greca per sé intorno al 425-450. Tuttavia non fu mai utilizzato in tal senso in quanto l’imperatrice fu seppellita a Roma alla sua morte nel 450 d.C.

Dopo il pranzo libero nel centro di Ravenna, proseguiremo con le visite dal Battistero Neoniano. Il Battistero Neoniano venne edificato attorno agli inizi del V secolo d.C. grazie all’iniziativa dell’episcopato di Orso ed è oggi l’edificio battesimale meglio conservato al mondo, sia per la struttura architettonica che per la sua decorazione con marmi, stucchi e mosaici. Pochi decenni dopo la sua costruzione, il vescovo Neone (450 – 475 d.C.) decise di rifare la cupola e la decorazione interna. Al centro della cupola un grande medaglione racchiude la scena del Cristo, raffigurato immerso nelle acque trasparenti del fiume Giordano insieme alla figura di San Giovanni Battista. Questa decorazione a oggi costituisce la più antica testimonianza di una scena del battesimo del Salvatore eseguita a mosaico in un edificio monumentale. A seguire, visiteremo la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, fatta costruire da Teodorico (493-526) accanto al suo palazzo e in origine adibita a Chiesa palatina di culto ariano. Dopo la riconquista bizantina e la consacrazione al culto ortodosso (metà del VI secolo) fu intitolata a San Martino, vescovo di Tours. Secondo la tradizione, nel IX secolo le reliquie di Sant’Apollinare furono qui traslate dalla Basilica di Classe e in quell’occasione ricevette la sua intitolazione a Sant’Apollinare, detta “Nuovo” per distinguerla dall’altra chiesa dallo stesso nome presente in città. Al suo interno, ci soffermeremo sul più grande ciclo monumentale di mosaici del Nuovo Testamento, tra i più famosi al mondo.

Al termine delle visite, trasferimento a piedi alla Stazione di Ravenna. Rientro a Bologna con treno regionale, con arrivo previsto per le ore 18.55 circa.

Dettagli

Quota di partecipazione con treno da Bologna: € 94
Quota di partecipazione con ritrovo a Ravenna: € 78
Quota per persona

ISCRIZIONI ENTRO IL 11 GIUGNO 2024 (salvo esaurimento posti disponibili)
Tel: 353 4264123 (anche Whatsapp) / 051 4116210
Mail: prenotazioni@insolitaitinera.com

Modalità di prenotazione:

  • Presso Insolita Itinera in via San Petronio Vecchio 31/a a Bologna (previo appuntamento telefonico o via mail – pagamento con bancomat, assegno o contanti).
  • Online, compilando la scheda di iscrizione cliccando su prenota (pagamento tramite bonifico).
  • La prenotazione si riterrà confermata al momento della ricezione del saldo del viaggio.

La quota comprende

  • Visite guidate con storico dell’arte come da programma
  • Biglietti di ingresso e offerte ai siti e monumenti in programma (Domus dei Tappeti di Pietra, Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano e Sant’Apollinare Nuovo)
  • Per chi parte da Bologna, biglietti del treno A/R
  • Auricolari per tutte le visite guidate
  • Accompagnatore Insolita Itinera
  • Assicurazione medica di viaggio

La quota non comprende

Spese personali, pranzo, tutto quanto non espressamente menzionato in “La quota comprende”.

Vuoi partecipare a questo viaggio?

Informazioni importanti

  • La quota di partecipazione e degli ingressi sono stati calcolate su un minimo di 15 partecipanti adulti paganti e un massimo di 25.
    In caso di mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti il viaggio non verrà effettuato e la quota versata verrà interamente restituita. La conferma del viaggio verrà comunicata ai partecipanti non appena verrà raggiunto il numero minimo e non oltre una settimana prima della partenza.
  • Per ragioni tecnico-organizzative, in fase di prenotazione o in corso di viaggio, l’itinerario potrebbe subire delle modifiche, senza per questo alterare il contenuto delle visite e le escursioni programmate. Nel caso in cui qualche località indicata nel programma di viaggio non potesse essere fruibile, verrà sostituita dalla visita di un’altra località senza alcuna variazione o aumento di prezzo (qualora fosse previsto).
  • Tutte le visite guidate previste in “La quota comprende” sono collettive (con guida riservata al gruppo) ed effettuate in lingua italiana.
  • È esclusiva responsabilità del passeggero comunicare cognome e nomi esatti (inclusi doppi nomi/cognomi) riportati sul documento d’identità. Ai fini della stipulazione del contratto di viaggio sarà inoltre necessario comunicare all’agenzia i seguenti dati: indirizzo, data di nascita, numero di telefono, mail, codice fiscale, numero di documento e data di scadenza. Tali dati saranno trattati esclusivamente per le prenotazioni e le comunicazioni relative al presente viaggio.
  • Assicurazione medica: può visionare qui il fascicolo informativo.
  • Documenti necessari al viaggio: carta di identità in corso di validità.

Cosa succede se si prenota il viaggio e non si può partecipare?

Nell’intento di venire incontro ai nostri Viaggiatori, nonostante i costi fissi dell’organizzatore, applicheremo le seguenti condizioni in caso di improvvisa impossibilità a prendere parte al viaggio prenotato:

  • Fino alla conferma del viaggiocancellazione senza penale per qualsiasi motivo, anche non documentabile, con rimborso della quota versata tramite bonifico.
  • Fino a 24 ore prima della partenza, in caso di cancellazione per motivi di salute documentabilirimborso del 50% tramite buono Insolita Itinera da utilizzare esclusivamente su una prossima gita di un giorno (il buono verrà emesso in seguito all’invio della documentazione all’organizzatore che attesa l’impossibilità di partecipare al viaggi. Ai fini dell’attivazione dell’assicurazione verranno accettate esclusivamente le chiamate telefoniche, non verranno considerati messaggi di alcun tipo).
  • Nessuna penale è prevista per cambio nome fino al giorno prima della partenza (purchè si avvisi l’organizzatore del cambio nome).
  • Nessun rimborso è previsto per mancata partecipazione oltre i termini indicati e il giorno stesso del viaggio.

Organizzazione tecnica: MiTular.
Foto credits: https://www.turismo.ra.it/

In viaggio con

Max Martelli

Storico dell'Arte - Docente, guida e artista del viaggio

Laurea con Lode in Lettere Classiche presso l’Università di Bologna. I suoi studi accademici spaziano dalla Storia dell’Arte Antica a quella Medievale e Moderna, dall’Archeologia alla Letteratura Classica.

Docenze per: Università di Bologna, Università Primo Levi, AHI Alumni (USA), centri didattici.

Dal 1998 Collabora con riviste e periodici in materia storico artistica. Collabora con aziende italiane ed estere, associazioni culturali, istituzioni, scuole, privati e musei progettando e realizzando eventi d’arte, conferenze, lezioni, ricerche, testi scientifici, documentari e mostre, mirati alla scoperta e valorizzazione dell'arte e della cultura.

Dal 2011 È l’ideatore dei “PERCORSI D’ARTE”, avvincenti narrazioni sull'arte e gli artisti che porta nei teatri o in siti di rilevante importanza culturale. Autore e conduttore di programmi TV e documentari di tema storico, artistico ed archeologico.
Scopri PERCORSI D'ARTE: https://www.lepida.tv/video-demand?titolo=percorsi+d%27arte&ok=Cerca

Ideatore e curatore, in collaborazione con musei e gallerie, di mostre d'arte.

Nel 2019 La Confesercenti gli ha assegnato il "Premio Attività Innovative" per la sua attività nel campo della divulgazione storico artistica, in particolare per l'approccio non convenzionale con il quale si trasmettono contenuti spesso complicati raggiungendo il grande pubblico, in luoghi anche inaspettati e fino ad ora non toccati da questo tipo di tematiche.

Nel 2022, con la promozione di Confesercenti Bologna e il finanziamento della Camera di Commercio di Bologna, realizza la rassegna "A Cena con l'Arte", una serie di appuntamenti serali in cui Max Martelli ha portato le sue narrazioni storico artistiche nei migliori ristoranti di Bologna e provincia.

Max Martelli è anche autore di testi letterari. La sua opera prima di poesia, Marea (1999), fu apprezzata e recensita dai maggiori italianisti. Ugualmente è attivo sul versante della produzione grafica e pittorica, per la quale ha ricevuto, negli anni, diversi riconoscimenti e realizzato diverse mostre personali.

Interessato? Scrivici

Scrivici senza impegno per avere ulteriori informazioni su questo itinerario o per prenotare.